Surya Bhedana Pranayama

corsi yoga chieri pranayama

Hatha Yoga Pradipika di Surya Bhedana Pranayama:

(II, 48) ” Sedendosi in modo adeguato, lo yogi deve sistemarsi in posizione comoda e inspirare lentamente l’aria attraverso la narice destra.”

(49) ” Successivamente il respiro dovrebbe essere trattenuto fino a quando l’aria si infiltra nelle radici dei capelli e nella punta delle unghie  .” Quindi segue una lenta espirazione attraverso la narice sinistra. ”

(50) “Suryabheda è una pratica eccellente per la pulizia del cranio e per eliminare lo squilibrio nel dosha del  vento, ma distrugge anche i parassiti intestinali. Questa pratica và ripetuta nel tempo”.

Surya significa “il sole”; ed è un termine correlato anche a pingala nadi (uno dei canali principali energetici nel corpo umano). La parola bheda ha tre significati: “mistero”, “discriminazione” e “comprensione”. In questo pranayama, attraverso l’inalazione dell’aria nella narice destra, viene attivato il pingala nadi. Suryabheda penetra nel pingala e attiva l’energia vitale, prana in questo nadi (canale energetico).

Tecnica

Siediti in ​​una comoda posizione meditativa, preferibilmente in Siddhasana (siddha yoni asana).
Rilassa il corpo e pratica il kaya stharyam (immobilità del corpo). Esegui Nasigakara Mudra chiudendo la narice sinistra e lasciando aperta la narice destra.
Inspira lentamente e profondamente attraverso la narice destra. Alla fine dell’ispirazione, chiudi entrambe le narici e abbassa la testa per eseguire Jalandhara Bandha. Trattenendo il piu’ a lungo possibile l’aria all’interno, esegui anche il Mula Bandha. Rilasciali, infine alza la testa.

Lasciando la narice destra chiusa, apri la narice sinistra ed espira lentamente attraverso di essa. Tra i due cicli, se necessario, è possibile effettuare diversi espirazioni normali; le mani dovrebbero rimanere rilassate sulle ginocchia, gli occhi chiusi e dovresti concentrarti sullo spazio davanti a te. Quindi esegui il ciclo successivo. Inspira attraverso la narice destra, trattieni il respiro ed espira attraverso la narice sinistra. Esegui almeno dieci di questi cicli.

Suryabheda può anche essere eseguita inspirando ed espirando solo attraverso la narice destra. Tuttavia, se si respira solo attraverso la narice destra, si può chiudere il canale energetico Ida Nadi e disabilitare le funzioni della narice sinistra. Espirando dalla narice sinistra, si rilascia energia e viene pulito il canale energetico Ida Nadi. Inspirando attraverso la narice destra, trascini il prana nel pingala, mentre trattenendo il respiro, dopo averlo inspirato, mantieni il prana nel Pingala Nadi.
Naturalmente, questo pranayama dovrebbe essere eseguito a stomaco vuoto e solo se il tuo guru ti ha istruito. Se di solito durante il giorno domina il tuo pingala nadi, allora non è consigliato praticare il pranayama. Se il Pingala Nadi  è attivo, la mente e i sensi sono diretti verso l’esterno, l’emisfero sinistro del cervello funziona, il sistema nervoso simpatico è attivo e il corpo si riscalda. Non è possibile forzare il pingala a funzionare in modo ridondante, il suo funzionamento dovrebbe essere bilanciato dal funzionamento dell’Ida.

A differenza della Nadi Shodhana Pranayama, che equilibra la respirazione e gli emisferi del cervello, la Suriabheda agisce solo su una parte del corpo. Stimola il sistema nervoso simpatico e sopprime le funzioni del sistema parasimpatico.

Svatmarama (uno degli antichi yogi) sostiene che la Suryabeda elimina lo squilibrio nel dosha Vata (vento), ma equilibra anche altri dosha – muco (Capha) e bile (Pitta). La stimolazione del sistema nervoso simpatico e il Pingala Nadi rimuovono la letargia del corpo e della mente, e il calore prodotto dalla pratica brucia le impurità del corpo. Il libro “Gherand Samhita” afferma che la Suriabeda “previene l’invecchiamento e la morte, aumenta il calore corporeo e risveglia l’energia Kundalini“.

Se pratichiamo questo pranayama al contrario – inspirando attraverso la narice sinistra ed espirando attraverso la destra  allora attiviamo Ida Nadi, noto come pranayama Chandrabheda. In questo testo non è scritto nulla su questo pranayama, perché se l’Ida è risvegliata, la mente può essere completamente indirizzata verso l’interno e il corpo può cadere in letargo.

Attivare il Pingala Nadi attraverso Suryabhedana Pranayama è perfettamente sicuro, ma attivare l’Ida usando il Chiandra Bhedana Pranayama può essere pericoloso a meno che il guru lo raccomandi specificamente.

Traduzioni: Chiara Cubbattoli

Altri articoli:

Yoga Nidra rilassamento profondo

Mala e Meditazione

Nauli

Il calendario completo dei corsi ed eventi

 

Articoli correlati