RA MA DA SA (meditazione di guarigione caritatevole)

Cos’è il dolore? O la malattia? Perché ci sono stati dati?
Perché dobbiamo occuparci di loro comunque?

Ci sono molti modi per rispondere a queste domande. Così come molte sono le possibilità per far fronte a questi fenomeni. Possiamo prendere decine di farmaci, fingendo di risolvere il problema eliminando il sintomo o, al contrario, immergersi totalmente nella malattia e nel dolore, allontanandosi così dal ciclo della vita e calandosi nella disperazione più nera; o possiamo infine affidarci totalmente ad altre persone, come medici, guaritori, stregoni, bioenergeti vari… Ciascuna di queste possibilità ha il diritto di esistere e qualunque di queste si scelga come propria, non c’è nulla di male.

Ma c’è un’altra possibilità, un altro modo per affrontare il dolore, ed è quello di rivolgersi semplicemente a se stessi, al proprio sé superiore. Esso è connesso all’Universo, che ha già tutto, compreso il potere di superare qualsiasi malattia e qualsiasi dolore. Il potere del Grande Amore e della Grande Saggezza, che è incorporato in ognuno di noi.

Questo potere inconcepibile, ma innegabile è così grande che è capace non solo di guarire se stessi, ma anche coloro che ci sono cari. Dirigendo una parte di questo amore, che in sostanza è la forza che si custodisce dentro, come forza guaritrice o auto-guaritrice, si estingue lo spazio intorno a se stessi rendendolo olistico. Si riparano i “buchi” dell’Universo che sono sorti come risultato di azioni inconsce, contribuendo alla creazione del mondo nella comprensione originale di questa parola. Creiamo il mondo – dentro, attorno a noi stessi, per noi e per gli altri. Realizziamo il nostro destino UMANO.

Ecco spiegato il motivo per invitare tutti coloro che vogliono entrare a far parte di questo spazio di guarigione: per aiutare se stessi o i propri cari per riprendersi da eventuali infermità fisiche o spirituali; per liberarsi dal dolore accumulato; o semplicemente per dare il proprio contributo alla guarigione del mondo, per unirsi alla caritatevole pratica di guarigione del mantra RA MA DA SA (o ” Siri Gayatri”).

Un tempo, molti anni fa, nella tradizione del kundalini yoga questa pratica veniva eseguita sotto forma di meditazione collettiva con il mantra RAMADASA. Questa, come è stato già raccontato nel precedente articolo, è una straordinaria pratica universale e uno dei più potenti mantra che aiuta a guarire te stesso e gli altri, che funziona su diversi livelli: mentale, spirituale, emotivo e fisico.
Tutti possono partecipare alla pratica, indipendentemente dal fatto che pratichi yoga o qualsiasi altra disciplina. La meditazione non ha restrizioni sull’età, sullo stato di salute, ecc. L’unico presupposto indispensabile è il desiderio di ricevere la guarigione e la volontà di condividerla.
Per iniziare si fa una breve meditazione: una semplice Kriya, composta da diversi esercizi molto semplici praticabili da tutti. Il Kriya aiuterà a sintonizzarsi e ad armonizzarsi l’un l’altro. Pertanto, si consiglia di indossare abiti comodi, per sentirsi a proprio agio. Meglio se sono tessuti naturali e preferibilmente di colore bianco, così i vestiti non premeranno lo stomaco o il petto. È possibile portare qualsiasi oggetto (come un pendente, un anello, un talismano, un’icona, un mandala, una foto, un peluche) o qualsiasi argomento che si associa con se stessi o con la persona alla quale vogliamo indirizzare la guarigione. Inoltre si può portare con sé dell’acqua per ricaricarsi.

Chi è gravemente malato o esausto dalla vita può semplicemente essere presente durante la pratica, mettendosi al centro del cerchio per ricevere la guarigione.

Se volete partecipare alla meditazione RA-MA-DA-SA contattate al questo numero: 335.474980

Sotto potete trovare gli indicazioni come eseguire questa meditazione:

RA MA DA SA Meditazione

Articoli correlati