Nadi Shodana Pranayama – parte 4. La tecnica

La technica

In questa fase della pratica del nadi shodana pranayama, dovresti iniziare a eseguire una presa del respiro esterna. Cioè, è il momento di integrare l’inspirazione, l’espirazione e il trattenimento del respiro interno (antara kumbhaka) ritardando il processo di respirazione nel momento in cui i polmoni sono più vuoti possibili. In sanscrito, questo stadio si chiama Bahir Kumbhaka o talvolta Bahiranga Kumbhaka.

Bahir Kumbhaka è una parte molto importante del pranayama, che ti porterà molti benefici. Tuttavia, come abbiamo già sottolineato, è necessario sviluppare lentamente e gradualmente l’abilità del respiro esterno. Non cercare di trattenere il respiro troppo a lungo fin dall’inizio, anche se all’inizio sembra facile. Ciò è particolarmente vero per il ritardo esterno, poiché tali azioni sono raramente richieste dai polmoni e dai nervi associati. Ognuno di noi ha trattenuto il respiro molte volte, ma questo è stato quasi sempre fatto dopo un pre-respiro. Cioè, prima di trattenere il respiro, di solito facciamo un respiro profondo. Questo è usato in molti sport, come il nuoto. Di solito non svuotiamo i polmoni immediatamente prima di trattenere il respiro, ma, al contrario, li riempiamo  di aria il più possibile. 

In questa fase di padronanza del nadi-shodhana del pranayama, viene aggiunto un nuovo elemento: il Bahir Kumbhaka. Il rapporto sarà simile a 1: 8: 6 – 1: 8: 6: 1 e la respirazione dovrebbe essere la seguente:

Inspirare attraverso la narice sinistra (Puraka) 1 Respirazione 
apnea interna dopo l’inalazione (Antar Kumbhaka) 8 
Espirare attraverso la narice destra (Rechaka) 6 
Mantenere la respirazione esterna dopo l’espirazione (Bahir Kumbhaka) 1 
Respirare attraverso la narice destra (Puraka) 1 
apnea interna dopo l’inspirazione (Antar Kumbhaka) 8 
Espirate attraverso la narice sinistra (Rechaka) 6 Respirazione 
apnea esterna dopo espirazione (Bahir Kumbhaka) 1 
Questo è un ciclo di respirazione. Ogni ciclo dovrebbe essere eseguito nello stesso modo, uno dopo l’altro. 

Ricorda che il rapporto che abbiamo dato corrisponde alla durata relativa effettiva di inspirazione, espirazione e anche tenuta di respiro esterno ed interno. Cioè, se inspiri, per esempio, in 5 secondi, dovresti trattenere il respiro per 40 secondi, espirare per 30 secondi e poi trattenere il respiro per 5 secondi. Questo è solo un esempio. Solo tu conosci le tue capacità e devi impostare la durata di ogni fase in base a questo rapporto, a seconda del livello delle tue abilità. Non importa se si respira per 1, 2 o 10 secondi, non ci dovrebbero essere tensioni durante la pratica.

Consigli pratici

La pratica di Nadi Shodhana Pranayama sarà molto più facile per te se fai un’espirazione molto piccola appena prima di terminare il Bahir Kumbhaka. Cioè, quando hai finito il bahir kumbhaka, dovresti espirare leggermente prima di inspirare. Aiuta a rimuovere un tipo di blocco, sotto l’influenza di cui i polmoni si trovano dopo il kumbhaka esterno. Questo piccolo trucco attiva dolcemente i polmoni e i nervi associati, permettendoti di fare il respiro successivo.

Lo stesso piccolo trucco può essere usato anche alla fine di un’apnea interna, cioè, dopo che finisce, puoi fare un inspiro molto piccolo prima di espirare.

Consapevolezza

Cerca di mantenere la consapevolezza della respirazione e del conteggio mentale durante  la pratica di Nadi Shodhana Pranayama. Questo è necessario per mantenere la mente rilassata e concentrata.

Avvertimento

Ancora una volta, vogliamo sottolineare che dovresti occuparti del tuo benessere. Se noti qualche conseguenza negativa, fisica o mentale, della pratica del nadi shodana pranayama, dovresti chiedere il parere di uno specialista. Un’altra circostanza che dovrebbe essere ricordata è che le persone con gravi disturbi fisici o mentali dovrebbero fare attenzione quando iniziano a praticare il nadi shodana Pranayama, specialmente nei suoi stadi più alti. Questa categoria comprende le persone con pressione alta, nevrotici, ecc.*

*Pranayama con apnea  esterna non dovrebbe in nessun caso essere fatto da persone che soffrono di disturbi del ritmo respiratorio durante il sonno, specialmente il fenomeno dell’apnea, che è un blocco spontaneo dell’inspirazione  dopo l’espirazione, come quello menzionato nella sezione “consigli pratici” sopra.  

Nadi Shodhana Pranayama Parte 1

Nadi Shodhana Pranayama Parte 2

Nadi Shodhana Pranayama Parte 3

CONDIVIDERE CON GLI AMICI
Scuola Yoga Contemporaneo
Valuta articolo
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (15 rating, 3 votes)