Le prostrazioni buddhiste

Dopo aver fatto una prostrazione, possiamo procedere ad altre questioni. Chi esegue ciò sarà in grado di ottenere tutti i frutti desiderati. “- Rudra Samhita

La pratica delle prostrazioni buddiste è un potente ed efficace strumento per purificare il karma e accumulare meriti. L’esecuzione delle prostrazioni è una tecnica molto seria di auto-miglioramento spirituale, che purtroppo le persone spesso sottovalutano. La loro realizzazione è molto importante per seguire il Sentiero del Buddha.

Spesso i buddisti si prostrano attorno a oggetti sacri: templi, stupa, montagne, ecc… Purificando così il loro karma negativo e accumulando buoni meriti. Dopo aver fatto una prostrazione, il pellegrino segna il punto toccato dai suoi palmi. Quindi si alza e cammina per la distanza che ha coperto con il suo corpo, dopo di che esegue la prostrazione seguente. Quindi, nel corso dei secoli, i buddisti hanno fatto una strada incredibile: attraverso le prostrazioni sono passati dal Tibet all’India!

Si ritiene che ciascuno dei fedeli del Buddha dovrebbe almeno una volta nella sua vita fare un “boom di prostrazioni” – è un’unità originale di misurazione delle prostrazioni ed equivale a centomila inclinazioni.

Il grande insegnante buddista Lama Zonkapa attribuiva grande importanza alla pratica delle prostrazioni. Il suo zelo negli studi spirituali era inesauribile: oltre a studiare e insegnare filosofia, eseguiva intensamente le prostrazioni. È noto che egli si lacerò ginocchia, gomiti e palmi fino a sanguinare eseguendo circa 3,5 milioni di prostrazioni, in modo che l’impronta del suo corpo rimanesse sul pavimento del tempio, che è ancora oggi oggetto di culto per i pellegrini di tutto il mondo. Poteva contemplare direttamente gli Yidam (diverse divinità della meditazione), ai quali faceva domande e dai quali riceveva spiegazioni sugli aspetti profondi dell’insegnamento del Buddha.

Nel buddhismo esiste una grande varietà di pratiche: alcuni buddisti – per lo più monaci – eseguono le prostrazioni di fronte al Manjushri e fanno offerte con acqua e così via.

Le prostrazioni sono una parte del “Rituale Settuplo” dei buddisti: prostrazioni, fare offerte, contrizione, gioire insieme, la richiesta di girare la ruota dell’Insegnamento, la richiesta al Maestro di rimanere fino allo svanimento del Samsara e dedizione al merito.

Al centro di tutte e sette le sezioni della pratica c’è il raggiungimento di due obiettivi principali:

  1. Purificazione del karma;
  2. Accumulo di meriti.

Puoi fare le prostrazioni attorno a oggetti sacri ma anche a casa di fronte a un altare o in qualche altro luogo in cui fai pratiche spirituali.

Le prostrazioni contengono un’espressione di rispetto e riverenza e, soprattutto, servono come eccellente antidoto all’orgoglio. È la prevalenza dell’arroganza in una persona che è il principale ostacolo alla spiritualità. Le prostrazioni eseguite da te ti porteranno alla modestia e al rispetto.

È molto importante che la prostrazione non si trasformi esclusivamente in esercizio fisico. Devi fare la prostrazione con il corpo, la parola (mantra recitante) e la mente contemporaneamente. Tutto questo insieme è chiamato: prostrazione delle 3 porte.

Le prostrazioni con il corpo

Ci sono due tipologie: la prostrazione completa e la mezza prostrazione.

Prostrazione completa

La prostrazione completa viene eseguita sia in movimento che statica. Molti monasteri hanno piccole aree speciali, di solito circondate da piccoli recinti. Queste aree sono dotate di speciali pallet di legno sui quali non è proibito mettere materassi morbidi o piccoli tappeti. Inoltre, per facilitare l’esecuzione delle prostrazioni, è consentito indossare sulle mani e sulle ginocchia delle difese in tessuto ruvido.

Ogni praticante di prostrazioni stabilisce il proprio obiettivo individuale. Tuttavia, tutti gli obbiettivi possono essere inclusi in diverse direzioni generali. Possono essere fatte per soddisfare dei desideri o per mostrare gratitudine o per pentimento, e possono anche essere “prostrazioni informi”. Cosa significa ciascuna? Scopriamolo insieme.

Nella prima categoria di prostrazioni, abbiamo i praticanti che le eseguono per realizzare i loro desideri. Fanno appello al Buddha e ai Bodhisattva chiedendo di aiutarli a realizzare le loro aspirazioni e i loro sogni. Queste persone possono eseguire il rito di prostrazione davanti al Buddha. I desideri di queste persone possono riguardare il mantenimento o il ritorno della salute, l’allungamento della vita o la protezione da incidenti e circostanze impreviste che invadono la nostra esistenza mortale.

La seconda categoria delle prostrazioni comprende coloro che le eseguono non per desideri, ma per sincerità del cuore e purezza. I praticanti di tali prostrazioni li eseguono solo come segno di gratitudine, proveniente dalle profondità dell’anima e del cuore, ai Tre gioielli: Buddha, Dharma e Sangha. Questa gratitudine può estendersi anche agli insegnanti e ai mentori che hanno dato conoscenza e istruzioni ai loro studenti. Ma, facendo una simile pratica buddista, è molto importante rendersi conto che qualsiasi studente che compie questa azione porta molto più beneficio a sé stesso che al suo Maestro. Anche se rende sinceramente omaggio a tutte le benedizioni ricevute dal suo Maestro, tuttavia, prostrando, si sta cambiando in meglio, migliorando spiritualmente sé stesso e sviluppando altruismo e gratitudine globale nel suo cuore.

 

La terza categoria delle prostrazioni unisce coloro che le praticano con l’obiettivo del pentimento. Tale pratica deve essere eseguita nella più rigorosa umiltà, distacco e con un senso illimitato di pentimento in tutte le azioni consce e inconsce. Se il praticante è sincero nell’esecuzione delle prostrazioni, allora lo renderanno indubbiamente un aiuto prezioso nel cambiare il suo cammino. Il che, naturalmente, porterà al fatto che una persona diventerà più ricettiva e onesta, sia verso sé stessa che verso gli altri. Chi esegue costantemente la pratica del pentimento diventa pienamente in armonia con l’universo.

E infine, la quarta categoria delle prostrazioni, che è stata indicata sopra come “prostrazioni informi”. Ma cosa significa? Non importa quanto una persona ci provi, non è ancora in grado di avvicinarsi all’istante, cioè a rimanere fuori dalla forma. Con una forma, una persona inizia e, salendo più in alto sui gradini della perfezione spirituale, alla fine raggiunge l’assenza di forma. Pertanto, nel tentativo di ottenere il distacco dal proprio “io” instabile, i praticanti alle prime armi vengono respinti da esso. E, gradualmente, raggiungendo la sua assenza, i prostratori contemplano il beato stato della mente e arrivano al livello più alto del “senza-io”. La stessa cosa accade con il distacco. Una persona inizia la sua pratica contemplando gli attaccamenti e, gradualmente migliorando, raggiunge intenzionalmente un obiettivo più elevato. La fonte della pratica delle prostrazioni senza forma è la contemplazione delle quattro fasi della consapevolezza. Queste includono: consapevolezza corporea, consapevolezza delle sensazioni, mente e dharma.

Qui, uno sguardo più approfondito a tutti e quattro i passaggi fondamentali delle prostrazioni senza forma:

    • Il primo passo: il praticante dirige l’attenzione sul corpo che esegue le prostrazioni. Eseguendo la pratica, colui che la pratica cerca di mantenere una consapevolezza particolarmente chiara dei propri movimenti, esattamente come delle sue sensazioni. Con questo, una persona si sta già avvicinando alla contemplazione di due principi primari: corporeo e tattile. Il terzo fattore fondamentale è il coinvolgimento nella contemplazione della mente, che porta alla conservazione della sua chiarezza, quindi tutti i movimenti sono calmi e senza fretta;
    • Al secondo stadio, una persona realizza e sente ancora le sue prostrazioni, ma il suo corpo fa movimenti non più guidati dai comandi e dai desideri della mente. Una persona non ha più bisogno di dare istruzioni e controllare il suo corpo fisico. Questo stadio è il punto di svolta.
  • Il terzo stadio della pratica, in generale, conduce il praticante oltre la percezione dei suoi movimenti del corpo. Per tutti coloro che lo circondano, una persona sta facendo la prostrazione, ma per quanto riguarda la persona che si estende, in questa fase ha una completa mancanza di consapevolezza associata alla pratica fisica. Non pensa nemmeno se le prostrazioni vengono fatte con o senza la sua volontà. C’è una fusione inseparabile di consapevolezza corporea, mentale ed emotiva.

 

Il numero delle prostrazioni può variare, a seconda della preparazione fisica o mentale del praticante. Possono essere fatte 3 volte, 7, 21, 108 e anche più volte. In alcune pratiche, questo numero è 111.111 volte. Riassumendo l’intero concetto della pratica delle prostrazioni, possiamo dire che in sostanza questa pratica contribuisce allo sviluppo del principio spirituale nell’uomo, attraverso il quale vengono eliminati tutti i tipi di blocchi nel corpo fisico, inoltre, i canali energetici nel corpo pranico vengono purificati, portando alla cessazione dell’identificazione dell’“io” con il suo corpo fisico.

Prima della prostrazione, devi raddrizzare il corpo, come un albero allungato. Quindi piega i palmi delle mani insieme, visualizzandoli come una combinazione di metodo e saggezza, e poi portali alla sommità della tua testa, immaginando il tuo arrivo sulla terra. Successivamente, alziamo i nostri palmi delle mani al livello delle sopracciglia, immaginando in questo momento che la luce bianca emanata dal cuore del Buddha penetri nel corpo; questo simboleggia la pulizia dai vizi del corpo fisico. Portiamo i palmi delle mani all’altezza del collo e con la stessa luce ci liberiamo dai vizi della parola; poi portiamo i palmi delle mani al livello del cuore, purificandoci dai vizi della coscienza. Successivamente, alziamo le mani separatamente, simboleggiando in tal modo l’acquisizione di rupakaya e dharmakaya. Quindi ci inginocchiamo a terra, simboleggiando la liberazione dal samsara (il ciclo delle rinascite) e mettiamo le dita a terra, simboleggiando il raggiungimento dei cinque percorsi, dieci stadi del Buddha, e ci sdraiamo completamente a terra e tocchiamo la fronte a terra, simboleggiando il raggiungimento dell’undicesimo stadio.

Affondando a terra o su qualche altra superficie solida, il tuo pensiero principale dovrebbe essere che stai uscendo dal samsara. Pensando questo fai le prostrazioni a terra; e alzandoti, immagina come si aprono le porte della liberazione. Quando si eseguono le prostrazioni, il momento in cui le mani toccano completamente il terreno è molto importante. Questa posizione delle mani ti permetterà di pulire al meglio i canali energetici del tuo corpo. Salendo, fai movimenti nell’ordine inverso. Tutto questo in un complesso costituisce la pratica delle prostrazioni complete.

Prostrazione breve

Le prostrazioni brevi si iniziano nello stesso modo come le complete, solo che dopo aver piegato le ginocchia e appoggiato le mani a terra, si tocca il suolo con la fronte. In questo caso, solo le mani, le ginocchia e la testa entreranno in contatto con essa. Ci alziamo, eseguendo i movimenti nell’ordine inverso.

Divieti nelle prostrazioni

Le prostrazioni devono essere eseguite con la schiena dritta e il bacino leggermente in avanti. Se iniziamo la prostrazione in modo sbagliato, potrebbe portare a future disabilità fisiche.

Benefici delle prostrazioni

Grazie alle prostrazioni si accumulano buoni meriti e si raggiunge la purezza di corpo, parola e mente. Eliminiamo così oscuramenti mentali come arroganza, orgoglio, rabbia e pensieri negativi di ogni tipo.

Prostrazioni con le parole

Contemporaneamente con la prostrazione del corpo, si può recitare il mantra del Rifugio. Ma prima di questo mantra è molto importante leggere il mantra del merito crescente della prostrazione:

NAMO MANJUSHRIE
NAMO SOSHIRIE
NAMO U DARMA SHRIE SOHA

È necessario leggere questo mantra prima di iniziare la pratica, vale a dire nel momento in cui le mani si trovano al centro del torace. E solo dopo averlo pronunciato tre volte, puoi iniziare la prostrazione. Durante questa pratica, è necessario visualizzare non solo il “Campo di merito” che precedentemente si immaginava, ma anche capire che si è circondati da un numero molto maggiore di meriti. Devi anche immaginare di avere un numero infinito di corpi e tutti questi corpi eseguono contemporaneamente le prostrazioni e, oltre a loro, tutti gli altri esseri viventi si estendono con te. Facendo le prostrazioni, non dimenticare di pensare che questa pratica ti porterà alla pulizia dal karma negativo e all’accumulazione indispensabile di buoni meriti. Grazie a questo, puoi raggiungere uno stato del Buddha, che porterà del bene a tutti gli esseri viventi. Tale motivazione è di grande importanza. Non dovresti iniziare a praticare questa antica pratica buddista solo allo scopo di guadagnare salute o riportare il tuo corpo in perfette condizioni. È molto di più.

Quando ci si prostra, il praticante deve recitare il mantra del Rifugio:

NAMO GURUBE
NAMO BUDDEN
NAMO DHARMAYA
NAMO SANHAI

La prima riga è il tuo consenso a rifugiarti nel tuo mentore spirituale. La seconda è il rifugio che hai trovato in Buddha. La terza racconta lo stesso nel Dharma, e la quarta si riferisce al Sangha.

Ti si aprirà così una visione di luce da quelli che ti sono visibili, da Buddha e dai Bodhisattva. Il tuo mentore spirituale, con il tuo aiuto, viene visualizzato di fronte a loro seduti su un piccolo piedistallo. Sulla elevazione più alta si trova l’insegnante principale di tutti i buddisti – Buddha Shakyamuni.

Distensione mentale

Aggiungiamo infine una prostrazione dei pensieri.

Il maggior accumulo di virtù si verifica quando i praticanti eseguono tutti e tre i tipi di prostrazione insieme.

Ricorda che la pratica delle prostrazioni non inizia con esercizi fisici, ma con il lavoro sulla tua coscienza. Pertanto, quando esegui le prostrazioni, dovresti condurre una piccola visualizzazione: immagina i Maestri, Buddha e i Bodhisattva. Puoi immaginare mentalmente il tuo prezioso mentore, che ti conduce all’Illuminazione nella forma di Buddha Shakyamuni.

Le immagini posizionate sul tuo altare dovrebbero essere percepite come esseri illuminati e con tutto il loro cuore e pensieri per sentire la loro presenza. Rispetta sempre le immagini con grande rispetto. Non sono semplici decorazioni! L’immagine sull’altare, in primo luogo, simboleggia il tuo desiderio di illuminazione. Quando si fanno le prostrazioni, la motivazione gioca un ruolo importante. Certo, puoi fare prostrazioni chiedendo aiuto ai Buddha o una preghiera speciale. Ma l’obiettivo principale della tua pratica dovrebbe essere il desiderio di purificarti dal karma negativo e raggiungere l’Illuminismo a beneficio di tutti gli esseri viventi. I buddisti credono che ogni creatura vivente abbia la natura di Buddha ed è in grado di raggiungere l’illuminazione. Ma il nostro vero potenziale è nascosto sotto la copertura dell’ignoranza. Pertanto, dobbiamo sforzarci di liberare la nostra mente dall’inquinamento fondamentale, che è la causa principale della nostra sofferenza. Fino a quando non possiamo manifestare la nostra vera natura purificandola dai veli dell’ignoranza, continueremo a creare ragioni per un ulteriore inquinamento della mente.

Un estratto delle istruzioni del Maestro Foyuan sulla pratica delle prostrazioni al Buddha dice:

“- Perché stai facendo le prostrazioni al Buddha? Qual è il loro significato?”

“Quando leggi il nome di Buddha una volta, i meriti della felicità aumentano incommensurabilmente. Quando fai una prostrazione al Buddha, così tanti peccati vengono distrutti come granelli di sabbia nel Gange.”

Conclusione

Quando fai le prostrazioni, ricorda che è meglio inchinarsi l’un l’altro, secondo tutte le regole e farle con amore e compassione; saranno meglio di centomila esercizi fisici privi di senso. Una persona dovrebbe provare gioia e soddisfazione dalla sua pratica. Pertanto, prova a unire corpo, parola e mente.

Inoltre, quando pratichi, ricorda che devi sempre rimanere gentile con te stesso e gli altri. Non fare del male a nessuno, non creare difficoltà, fornisci assistenza e supporto il più possibile. Una volta che inizi una pratica, devi esercitarti ogni giorno, osservando queste regole. Prova a ripeterli prima di andare a letto, leggere i mantra, fare meditazione ed essere sicuro di fare prostrazioni. Durante i lunghi viaggi, sostituisci le prostrazioni del corpo con quelle mentali, rafforzandole con quelle verbali. Sempre e ovunque, ripetutamente, ad alta voce o nel profondo, cerca di pronunciare le parole più intime: “Adoro il Buddha, il Dharma e il Sangha”. Tale preghiera diventerà un alimento indispensabile e completo per la tua mente. Ciò contribuirà a migliorare la tua mente giorno dopo giorno. Diventerà sempre più potente e tu stesso ti sentirai più felice, la tua famiglia sarà piena di pace, tranquillità e prosperità. Quindi, sarai più preparato per la tua reincarnazione futura.

MOVIMENTI DELLA PROSTRAZIONE

Congiungi i palmi delle mani tenendo i pollici uniti, dritti e rivolti verso il centro.
I pollici uniti rappresentano l’offerta a Buddha.

Poni le mani giunte sulla cima del capo.
Questo simboleggia l’usnisa del Buddha
(tipica protuberanza sul cranio).

Con le mani giunte tocca la fronte.
Questo purifica le negatività compiute con il corpo.

Con le mani giunte tocca la gola.
Questo purifica le azioni negative commesse con la parola.

Con le mani giunte tocca il petto all’altezza del cuore.
Questo purifica le azioni negative commesse con la mente e porta ad ottenere le
qualità della mente di un Buddha.

Chinati in avanti e posa le mani sul suolo con le dita appena aperte.

Metti giù le ginocchia e allunga il corpo sul suolo
per tutta la sua lunghezza con le braccia distese in avanti.

Puoi sia limitarti ad alzare le palme delle mani dal suolo,
sia piegare gli avambracci portando le mani giunte dietro la testa;
quindi riporta le palme delle mani di nuovo la suolo.

Per rialzarti porta le mani all’altezza delle spalle, mettiti sulle ginocchia,
poggia di nuovo le mani al suolo all’altezza delle ginocchia,
solleva le ginocchia dal suolo e quindi alza le mani e torna in piedi.

Comincia la prostrazione successiva
ponendo immediatamente le mani giunte sulla cima del capo.

Buona pratica, OM!

 

CONDIVIDERE CON GLI AMICI
Scuola Yoga Contemporaneo
Valuta articolo
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessuna valutazione)