Ekadashi. Il digiuno secondo i ritmi della luna per purificare il corpo e l’anima

La pratica del digiuno. Anashana e upavasa.

La pratica del digiuno ha una storia molto antica ed è stata a lungo svolta con due scopi: per la promozione della salute e per il progresso spirituale. Il digiuno solo allo scopo di guarire il corpo in sanscrito è chiamato anashana mentre il digiuno al fine del progresso fisico, mentale e spirituale è chiamato upavasa. Upavasa, tradotto dal sanscrito, significa “essere vicino a Dio” e questo significa che durante il digiuno il ricercatore spirituale dirige tutta la sua energia, che è stata rilasciata per mancanza di assunzione di cibo, nella sfera spirituale, cioè in questo giorno esegue più pratiche spirituali del solito. Per migliorare il progresso spirituale in questi giorni, si raccomanda di offrire il cibo risparmiato il giorno del digiuno a chi ne ha bisogno e di usare l’acqua risparmiata per annaffiare le piante. L’astinenza regolare di un giorno da acqua e cibo viene eseguita 2 volte al mese l’undicesimo giorno dalla luna nuova e dalla luna piena (puoi trovare i giorni della luna nuova e della luna piena nei calendari a fogli mobili o a strappo), ad es. l’undicesimo e il ventiseiesimo giorno lunare.

Il digiuno regolare nei giorni di Ekadashi

Questi giorni in Oriente sono chiamati Ekadashi (eka vuol dire l’undicesimo e dashi, giorno). Inoltre, viene chiamato l’undicesimo giorno dalla luna nuova Shukla Ekadashi, e l’undicesimo giorno dalla luna piena si chiama Krishna Ekadashi.

Il digiuno regolare nei giorni di Ekadashi produce meravigliosi risultati fisici, mentali e spirituali. Perché hai bisogno di eseguire il digiuno in questi giorni? Il corpo umano è composto per l’80% da acqua e il cervello per quasi il 90%. È stato dimostrato che la Terra e la Luna si attraggono sempre, ma in certi giorni, a causa della maggiore vicinanza, questa attrazione diventa più forte. In questi giorni, la Luna è la più vicina alla Terra e ha il più forte effetto gravitazionale sulle acque del pianeta. È questa attrazione che causa il flusso e il riflusso dei mari e degli oceani. È giusto affermare che questo flusso e riflusso simile guidato dalla luna si verificano anche nelle strutture biologiche. La forza gravitazionale della luna influenza il liquido nel corpo umano, proprio come influenza l’acqua. Ciò porta a squilibri ormonali e nei fluidi corporei, che a loro volta sono causa di molte patologie e squilibri mentali.

Nei giorni di Ekadashi, l’attrazione della luna, aumentata dalla gravità del sole, è più forte del solito. In questi giorni, la Luna esercita un potente effetto che si dirige verso l’alto, su tutti i fluidi corporei, creando un’eccessiva tensione nel petto e nella testa. Mantenere lo stomaco vuoto previene la formazione di liquidi in eccesso, che provocano squilibri fisici e mentali. In termini di yoga, durante la luna nuova e la luna piena, così come nei giorni successivi, a causa dell’attrazione gravitazionale combinata del sole e della luna, i fattori gas (aria) e acqua (liquido) del corpo salgono al petto e alla testa e creano una sensazione spiacevole.

Per prevenire l’attrazione gravitazionale, è bene non assumere cibo e acqua durante il giorno, in modo che il gas e l’acqua scendano dalla metà superiore del corpo a quella inferiore, alleviando notevolmente questa spiacevole sensazione. Pertanto, il digiuno eseguito nei giorni di Ekadashi comporta l’astensione da cibo e bevande al fine di creare un vuoto nel tratto digerente per neutralizzare l’attrazione lunare ed è consigliato a tutte le persone di età superiore ai 12 anni. Le procedure per entrare e uscire dal digiuno sono importanti.

Mangiare cibi troppo pesanti la sera prima del digiuno procura maggiore sete il giorno successivo. Pertanto, è meglio mangiare cibi più leggeri del solito prima del digiuno. Si consiglia alle persone che soffrono di stitichezza o che hanno tendenza alla stitichezza di assumere un lassativo salino (solfato di magnesio, sale di Carlsbad , olio di ricino , ecc.) e fare un clistere purificante la sera prima . Il digiuno viene fatto dall’alba del giorno di Ekadashi all’alba del giorno successivo, momento in cui non si assumono cibi o liquidi. La sera del giorno del digiuno, è possibile avvertire un forte calore vicino all’ombelico, avere mal di testa, dolori articolari, nausea, debolezza, ecc. Questo è, ovviamente, spiacevole, ma non è negativo.

Il corpo “brucia” tossine e sostanze non necessarie . Man mano che la pulizia del corpo aumenta attraverso il digiuno regolare, questi sintomi diminuiranno gradualmente. La mattina successiva al giorno del digiuno, per espellere le tossine dall’intestino, è necessario assumere a stomaco vuoto ½ litro di acqua con mezzo cucchiaino di sale da cucina sciolto in essa e il succo di mezzo limone di media grandezza. Troppo sale può causare nausea, ma se c’è troppo poco sale, l’acqua può essere assorbita nello stomaco e quindi l’intestino non verrà purificato. Pertanto, si dovrebbe sperimentare personalmente la dose di sale più adatta.

Lo stomaco non assorbe l’acqua salata che penetra rapidamente nell’intestino. Quest’acqua lava via tutti i depositi che sono rimasti ancora nell’intestino e purifica completamente il sistema digestivo. Quando si sente che l’acqua dello stomaco è penetrata nell’intestino, si può allora cominciare a bere succo di sedano o di altre verdure a foglia verde appena spremuti e/o mangiare un’insalata di cavolo con carote, che aiuterà a pulire il nostro intestino come un pennello. Qualora si presenti la fame è consentito mangiare un frutto maturo acido e a seguire un frutto dolce come la banana. Il cibo chiude l’apertura nell’intestino e lubrifica lo stomaco. Dopo circa un’ora, puoi mangiare porridge, verdure bollite e altri cibi facili da digerire.

Se risulta difficile praticare il digiuno a secco nei giorni di Ekadashi, allora è bene fare un digiuno umido (ma eseguendo un clistere purificante da 2 litri il mattino del digiuno). Se risulta troppo difficile, si consiglia di fare almeno un giorno di digiuno semplice.

Vorrei attirare la vostra attenzione sul fatto che durante il digiuno è raccomandato NON eseguire attività con grande dispendio di energia o che richiede grande forza fisica.

Si raccomandano attività semplici come camminata, yoga e pranayama, pratiche spirituali (sotto forma di meditazione, preghiera, studio della letteratura, sviluppo di bodhicitta , ecc.).

Digiuno di un giorno

Un’altra opzione dallo yoga: “Digiuno di un giorno. Preparazione, pratica ed uscita. Ingresso: per 3 giorni non mangiare carne, pesce, frutti di mare, per 2 giorni – noci, legumi, il 2 ° giorno prima del digiuno – è possibile consumare cereali, latticini, formaggi, verdura, frutta, succhi, ma non mangiare troppo, adattare in anticipo il corpo alle restrizioni del digiuno del giorno successivo. Un giorno prima del digiuno, se possibile, solo frutta e verdura, succhi freschi estratti. E’ possibile consumare porridge senza latte, se si va al lavoro e si ha bisogno di energia, consumate verdure e nel pomeriggio solo succhi e frutta per poi la sera il digiuno!

Sintonizzatevi su questo: lassativo la sera prima del digiuno. Il giorno del digiuno, quando il lassativo ha fatto effetto e si è scaricato, si consiglia di fare due clisteri: il 1° con acqua calda e il 2° con acqua fredda. Bere solo acqua purificata, preferibilmente acqua distillata. È meglio non bere acqua minerale durante il digiuno e all’uscita. Non restare a casa, fate una bella passeggiata in natura.

Pianificate attività piacevoli a questo proposito, provando a trascorrere un paio di ore all’aria aperta. Se avvertite mal di testa, bevete acqua calda.

E’ possibile iniziare con un digiuno di 24 ore, ad es. uscendo la sera, vedendo come ci si sente. Se tutto è in ordine e ci si sente bene, si può cominciare la mattina successiva con il digiuno.

Uscita dal digiuno

Per l’uscita dal digiuno. Se lo desiderate, si può eseguire la pulizia dello stomaco: al mattino si beve 1-1½  litri di acqua a temperatura ambiente con l’aggiunta di 1 cucchiaio di sale + 1 cucchiaino di bicarbonato. Si può anche iniziare con un litro di acqua senza sale e soda, ma l’acqua da sola verrà assorbita immediatamente dal corpo anziché andare a lavare lo stomaco.

Dobbiamo induce il riflesso del vomito liberando lo stomaco dal liquido bevuto. Spazzolate la lingua. Dopo mezz’ora, rosicchiate 2 mele, sputate la buccia e il succo e la polpa: in questo modo si puliscono le papille gustative. Dopo 40 minuti, si può bere una tisana senza zucchero, esclusa l’erba di San Giovanni, la menta e la melissa. E’ bene bere non più di 200 ml per dose, meglio a piccoli sorsi.

Dopo aver bevuto la tisana, dopo 40 minuti, è possibile bere del succo fresco estratto, ad esempio una mela-carota, solo se sei sicuro che il frutto sia fresco e non ricoperto di cera. Un corpo pulito assorbirà rapidamente le sostanze chimiche. Prima di pranzo solo succhi, non più di 300 ml per volta. Il primo giorno è meglio mangiare solo la frutta e verdura e tisane, escludendo inoltre sale, zucchero, spezie e oli vegetali. Se dovesse risultare difficile, si può mangiare il porridge a pranzo, ma senza sale e olio e la sera, bere mezzo bicchiere di yogurt. Il secondo giorno, è possibile aggiungere cereali, verdure in umido, ricotta, formaggio e latte. Il terzo giorno è possibile aggiungere noci, uova, pesce, dal 4° giorno alimentazione normale.

Il digiuno  senza acqua

Se stai bene e ritieni opportuno, è possibile provare il digiuno a secco cioè senza acqua. Un giorno di digiuno a secco equivale in termini di effetto detergente, a 3 giorni di digiuno con liquidi !!!

Regole speciali per nutrirsi con le fasi lunari

E’ vivamente consigliato adottare queste due regole:

1. Durante la luna crescente, ridurre la quantità di cibo consumato di circa la metà della dieta abituale. La cena è un boicottaggio.

2. Durante la luna calante, a colazione, pranzo e cena, è possibile aggiungere ai tuoi piatti tutto il cibo che si desidera. Ma è meglio  sempre non mangiare troppo prima di dormire. Limitarsi ad un bicchiere di tisana con miele o stufati, specialmente alla vigilia dei giorni di digiuno secco secondo la luna.

È statisticamente dimostrato che il digiuno completo a lungo termine, eseguito come mezzo per eliminare il grasso in eccesso non ha mai prodotto risultati duraturi. Inoltre, dopo lo stress associato alla completa privazione del cibo, il corpo nei giorni “sereni” inizia ad assorbire febbrilmente le provviste per il ritorno eventuale di una giornata di pioggia. Il corpo ragione così: e se dovessi  nuovamente soffrire la fame? Inoltre il digiuno completo a lungo termine causa gravi inconvenienti come forme di gastrite, interrompe il funzionamento delle cistifellea, del pancreas e del tratto gastrointestinale. Alla ricerca di un girovita sottile ad ogni costo, si corre il rischio di appropriarsi di  un lussureggiante bouquet di malattie.

Un giorno di digiuno nei giorni di Ekadashi sulla Luna è efficace in quanto il corpo riceve tutte le sostanze necessarie per il normale funzionamento e allo stesso tempo non viene sovraccaricato, un programmato “riposo” nei giorni assegnati per il digiuno.

 

CONDIVIDERE CON GLI AMICI
Scuola Yoga Contemporaneo
Valuta articolo
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (21 rating, 5 votes)