Bhastrika Pranayama. La tecnica

Bhastrika Pranayama è descritto nell’antico testo sacro Hatha Yoga Pradipika

Ecco di seguito come viene descritto:

– Sedersi con entrambi i piedi sulla parte superiore delle cosce (Padmasana, che distrugge tutti i peccati o cattivo karma).
– Sedersi correttamente in Padmasana , tenendo il collo e lo stomaco in una linea, espirare il Prana attraverso il naso.
– Ancora una volta, l’aria dovrebbe essere rapidamente aspirata nel loto del cuore. Di conseguenza, il senso di riempimento dovrebbe essere sentito nel cuore e nella gola fino al cranio.
– Alternativamente inspirare ed espirare; il movimento ricorda il lavoro dei fabbri.
– La respirazione viene effettuata in piena consapevolezza e con la stabilità del corpo. Quando il corpo si stanca, inspirare attraverso la narice destra.
– Di conseguenza, quando lo stomaco è pieno di aria, chiudere strettamente le narici (e respirare) senza usare l’indice e il medio (cioè usando le dita grandi e gli anulari, come nel Nasikagra mudra).
– Ritardo sistematico (Pranayama), espirare attraverso la narice sinistra. Così, lo squilibrio di vento, muco e bile viene distrutto e il fuoco digestivo aumenta.

Bhastrika Pranayama è il nome del Pranayama che imita il movimento del mantice e gonfia il fuoco interiore, riscaldando il nostro corpo.

La pratica del Bhastrika Pranayama è molto simile al Kapalabhati Vatkrama.
La differenza consiste che nel Bhastrika l’inspirazione e l’espirazione sono uguali e sono il risultato di movimenti sistematici e simili dei polmoni. L’aria dovrebbe essere inspirata e spinta fuori con poco sforzo.
Nel Kapalabhati, l’inspirazione è il risultato dell’espirazione eseguita con forza.

Nel Bhastrika l’inspirazione non deve essere eseguita con tale forza e le narici si devono ritirare verso l’interno. Inoltre passando attraverso le narici dentro e fuori, l’aria dovrebbe creare un  lieve suono (non forte) che dovrebbe passare dal naso e non dalla gola.

Durante la pratica, il corpo deve rimanere immobile, le spalle e il petto non dovrebbero muoversi, mentre solo i polmoni, il diaframma e l’addome dovrebbero essere in movimento.
La corretta postura per il Bhastrika è Padmasana, ma può essere sostituita dal’ Ardha Sadmasana o Siddhasana (Siddha Yoni asana).
Anche nel Padmasana e Siddhasana, la posizione del corpo è stabilile, i movimenti fisici sono limitati e la schiena rimane dritta, in questo modo gli impulsi nervosi sono in grado di andare direttamente verso l’alto attraverso il sistema nervoso centrale. Anche la posizione Siddhasana va bene per questa pratica.

Preparazione per la pratica:
Sedetevi comodamente nella vostra posizione meditativa appoggiando le mani sulle ginocchia e con gli occhi chiusi. Fate un respiro profondo e lento. Espirate rapidamente e con forza attraverso il naso, ma non sforzatevi; inspirare subito dopo con la medesima forza.

Quando si espira, lo stomaco si ritrae e il diaframma si restringe. Quando si inspira, il diaframma si rilassa e lo stomaco si muove in avanti. Questo movimento dovrebbe essere in qualche modo sottolineato. Continuare ad inspirare in questo modo, contando fino a dieci. Quindi rilassatevi  e senza aprire gli occhi, concentratevi sulla respirazione normale.
Eseguite da tre a cinque cicli. Durante la fase di apprendimento di questa modalità di respirazione, aumentare gradualmente la velocità mantenendo il ritmo della respirazione.
Il tempo di inspirazione e di espirazione dovrebbe essere lo stesso.

Riassumendo :
Tecnica 1 (fase 1)

– Siediti comodamente nella tua postura meditativa e preparati per il Pranayama.
– Con la mano destra, esegui Nasikagra Mudra e chiudi la narice destra.
– Inspira lentamente e profondamente attraverso la narice sinistra, quindi espira e inspira 20 volte.
– Terminata l’ultima, inspira lentamente e profondamente, chiudi entrambe le narici, inclina la testa in avanti nel Jalandhara Bandha, senza sollevare le spalle.
– Trattieni  il respiro per tutto il tempo che ritieni opportuno.
– Solleva la testa ed espira lentamente attraverso la narice destra.
– Fai un respiro profondo attraverso la narice destra e poi esercitati come hai fatto respirando attraverso la narice sinistra per 20 volte.
– Dopo l’ultima espirazione, inspirare lentamente e profondamente attraverso la narice sinistra.
– Dopo l’inspirazione, chiudi entrambe le narici ed esegui Jalandhara, la tenuta del respiro e il rilassamento, come hai fatto prima.
– La pratica su entrambi i lati è un ciclo. Esegui 3 cicli.

Bhastrika Pranayama – Altre tecniche
Tecnica 1 (fase 2)

Esegui tutto come nel primo stadio, ma dopo aver respirato attraverso la narice destra, respira attraverso entrambe le narici insieme, e porta a 40 il numero di respiri.- Esegui 3 volte questi cicli.

Tecnica 1 (fase 3)

Esegui tutto come nella fase 2, ma durante una pausa di respiro, aggiungi un Mula Bandha(chiusura) dopo il Jalandhara.
Alla fine del respiro, rilassa il Mula Bandha e poi il Jalandhara.
Esegui da 3 a 5 cicli.

Tecnica 1 (fase 4)

Esegui cinque cicli della fase 3, aumentando ogni settimana il numero di respiri per dieci, fino a quando non respiri in ogni ciclo in un rapporto di 50: 50: 100.

Tecnica 2

Segui la fase 4 della tecnica 1, ma abbassa il respiro attraverso le narici separate; inspirate ed espirate cento volte attraverso entrambe le narici.
Invece di eseguire Antar Kumbhaka (trattenimento del respiro interno), esegui il Bahir Kumbhaka (trattenimento del respiro esterno)
Ciò significa che dopo l’ultima espirazione Bhastrika, deve inspirare lentamente e profondamente, quindi espirare rapidamente attraverso la bocca. Esegui  Jalandhara e Mula Bandha. Esci da loro nello stesso modo descritto in precedenza. Esegui cinque cicli.

Dopo circa una settimana di pratica, aggiungi dopo Jalandhara Uddiyana Bandha, quindi ora stai facendo il Maha Bandha con il Kumbhaka esterno. Rilassa prima Mula Bandha, poi Uddiyana e poi Jalandhara.

Tra ogni due cicli, concentrati sulla respirazione naturale o sul centro delle sopracciglia. Esegui cinque cicli di cento respiri, a meno che il tuo guru non ti dica di fare di più.

Bhastrika dovrebbe essere eseguito dopo l’asana e dopo Nadi Shodhana Pranayama, ma prima di Sitkari, Shitali o Ujjayi. Al fine di evitare il surriscaldamento del corpo, molti cicli di Shitali / Sitkari dovrebbero seguirlo nella stagione calda. Potrebbe anche essere necessario ridurre il numero di cicli di Bhastrika. Questa pratica non dovrebbe essere eseguita da persone con pressione alta, malattie cardiache, tumori cerebrali, vertigini, ulcere gastriche o intestinali, glaucoma, dissenteria o diarrea. Se si verificano vertigini mentre si fa la pratica, questo significa che viene eseguita in modo errato. Bhastrika dovrebbe sempre essere eseguito rilassato e pienamente consapevole e non si dovrebbe permettere alla mente di vagare ovunque.

In “Hatharatnavali” si dice che dopo aver praticato Bhastrika, dovresti “ascoltare con l’orecchio destro e accogliere i suoni di grilli, flauti, tuoni, piatti, api nere, campane, gong, trombe e tamburi che sorgono dentro di te”.

PRANAYAMA

I benefici del Pranayama Bhastrika;

– Bhastrika solleva rapidamente la Kundalini. È piacevole e utile, rimuove gli ostacoli causati dall’accumulo di muco in eccesso all’ingresso del Brahma nadi.
– Kumbhaka, chiamato Bhastrika, rende possibile incrinare tre Granthi (nodi mentali / pranici). Pertanto, lo yogi deve praticare Bhastrika.

L’effetto fisiologico più importante di Bhastrika è sul cervello e sul cuore. Bhastrika stimola la circolazione del liquido cerebrospinale e aumenta la compressione e la decompressione nel cervello, creando un massaggio ritmico. Il ritmo ritmico del diaframma e dei polmoni stimola il cuore e la circolazione sanguigna. La circolazione sanguigna accelerata e lo scambio di gas in ogni cellula producono calore e “lavano” i rifiuti gassosi. Inizia l’iperventilazione e i nervi simpatici sono eccitati nel centro respiratorio, ma dal momento che vi è un aumento del rilascio di anidride carbonica, il centro successivamente si rilassa e si ferma l’iperventilazione. Se l’espirazione diventa più piccola dell’inalazione, si verificherà iperventilazione. Pertanto, in un Bhastrika, l’inalazione e l’espirazione devono rimanere uguali.

I movimenti veloci e ritmici del diaframma stimolano anche gli organi interni e questo crea un effetto massaggiante nel volume dell’intero sistema. Bhastrika e Kapalabhati sono le tecniche più dinamiche e vivificanti del Pranayama.

Bhastrika riscalda i passaggi nasali e i seni sinusali, eliminando il muco in eccesso e aumentando la resistenza ai raffreddori e ad altre malattie respiratorie. Pertanto, in termini di pratica dello yoga, è più facile far fronte a sinusite cronica, pleurite, asma e bronchite. Bhastrika migliora la digestione e stimola un sistema digestivo pigro. Aumenta l’appetito, aumenta il metabolismo e rafforza il sistema nervoso. Bhastrika aiuta anche nei casi di tubercolosi, stitichezza, sciatalgia, spondilite, artrite, reumatismi, cancro, nonché nel caso di stress fisico e mentale. La pratica di Bhastrika accelera il movimento del prana, specialmente nei centri del coccige, ombelicale, del seno e del cervello, e questo aumenta la vitalità fisica e dà lucidità mentale. L’enorme calore in eccesso generato in questa pratica cancella il Sushumna e lo prepara per l’ascesa della Kundalini.

All’interno del Sushumna ci sono tre granthis, o nodi psichici / pratici, che impediscono il passaggio della Kundalini Shakti. Un Granthi si trova nel Muladhara Chakra. Si chiama Brahma Granthi; collega la coscienza con la percezione sensoriale e con il mondo fisico. L’altro è nel Chakra Anahata e provoca un desiderio di sicurezza emotiva, espressione emotiva e soddisfazione emotiva. Si chiama Vishnu Granthi. Il terzo granthi si trova nell’Ajna Chakra; è associato con il raggiungimento dei Siddha e con i fenomeni e le esperienze psichici. Si chiama Rudra Granthi. Si dice che la Shakti prodotta da Bhastrika incida questi Granthi, così che la Kundalini possa muoversi liberamente.

Quando si pratica Bhastrika Indriya Jnenendria (organi di senso) e Carmendria (organi di movimento) si influiscono meno al comportamento di una persona e così si diminuisce il bisogno dei piaceri sensuali. Il sistema nervoso diventa più forte, le emozioni sono armonizzate e danno una soddisfazione più profonda. Questo è il caso quando Brahma e Vishnu Granthi sono “sciolti”. Quando iniziano le esperienze psichiche, Bhastrika aiuta una persona a rimanere un silenzioso, innocente spettatore che non è legato a nessuna esperienza. Quando Rudra Granthi diventa passabile, lo stato di Sakshi (testimonianza) si sviluppa.
I Granthi non sono così facili da rilassare come molte barriere mentali, emotive e mentali impediscono questo. Per la persona media, è quasi impossibile controllare i desideri sensuali e vivere senza protezione e soddisfazione emotiva. Per quanto riguarda le esperienze mentali, coloro che li sperimentano spesso finiscono in un ospedale psichiatrico, dal momento che non hanno un guru che potrebbe guidarli attraverso il loro risveglio spirituale. Quindi, anche se Bhastrika aiuta ad alleviare gli ostacoli all’innalzamento della Kundalini, non è sufficiente praticarlo per lunghe ore, in questo caso è necessaria la guida del guru.

Summary
Bhastrika Pranayama
Article Name
Bhastrika Pranayama
Description
Bhastrika Pranayama è il nome del pranayama che imita il movimento del mantice e gonfia il fuoco interiore, riscaldando il nostro corpo.
CONDIVIDERE CON GLI AMICI
Scuola Yoga Contemporaneo
Valuta articolo
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 rating, 1 votes)