Anuloma Viloma Pranayama

 

Ritorna all’indice generale  

https://yogacontemporaneo.it/indice-generale-pranayama-tecniche/

 

                  8        Anuloma-Viloma pranayama

 

 

Anuloma-Viloma pranayama è  uno dei  più efficaci esercizi di pranayama o respiro usati  nella pratica dello yoga.

In sanscrito “anuloma” è tradotto come ” ordine naturale”  e  “viloma” come  “andare contro”.

L’essenza del metodo è respirare alternativamente attraverso una delle narici .  Questo pratica e molto efficace se viene  eseguita  dopo Nadi Shodhani pranayama , poiché si completano perfettamente a vicenda

La tecnica:

Fase 1. 

Prendete  una  posizione comoda , incrociate le gambe  e raddrizzate la  schiena .  Chiudete gli occhi e provate a  rilassare  tutto il corpo, mantenendo la consapevolezza sul respiro.

Provate a  sentire come con  ogni respiro siete  più  rilassati.

Fase 2.    Provate ad immaginare e sentire che inspirate ed espirate solo attraverso la narice sinistra. Dopo un po’ la sensazione diventa quasi reale.  Continua questa pratica per 1-2 minuti.
Quindi ripeti lo stesso con la narice destra.
Prova a  visualizzare e sentire che l’intero flusso del respiro scorre dentro e fuori attraverso la narice destra.

Eseguite questo respiro per 1-2 minuti, mantenendo la consapevolezza sull’ intero processo

Fase 3.
Prova a controllare mentalmente il flusso del respiro che score dentro e fuori attraverso ciascuna delle narici alternativamente.
Senti di inspirare attraverso la tua narice sinistra. Poi senti come espiri attraverso la tua narice destra..
Senti il ​​respiro attraverso la narice destra. Un’ulteriore espirazione avviene attraverso la narice sinistra. Questo è un ciclo di anuloma-viloma. Continua la pratica nella stessa sequenza  . Allo stesso tempo, conta mentalmente ogni ciclo, partendo da 100 e finendo con 1.

Mantieni la consapevolezza sul respiro , e se la tua mente si  distrae  e perdi il conto, dovresti ricominciare da capo. Se riuscite, continuate la pratica fino a contare 1.

Anuloma-Viloma : respiro,  consapevolezza e durata

Cercate di non provare eccessiva tensione, lasciate che la  vostra respirazione avvenga in modo naturale. La durata della pratica dipende dal tempo che volete dedicare  e dall’esperienza.
Il tempo minimo  di esecuzione nella fase iniziale è 10 minuti. Tuttavia, ci vorrà più tempo per eseguire l’intera pratica se si vuole contare  da 100 a 1 mantenendo una respirazione rilassata, la media è di circa quindici respiri al minuto. Se non avete  abbastanza tempo possono iniziare a contare non da 100, ma da 50.   Come in di tutte le  pratiche dello  Yoga  è necessario ascoltare il vostro corpo, determinando  così durata ed estensione.E necessario essere  completamente consapevoli sia del respiro che del conteggio per tutta la durata della  pratica . All’inizio questo è abbastanza difficile e dopo alcuni cicli potreste scoprire che avete perso il  conto. Questo indica la perdita dell’attenzione . Quando questo accade  non bisogna  scoraggiarsi ma  riprendere  il conteggio  alla rovescia dall’ inizio.Con la pratica regolare, otterrete un notevole miglioramento. Sarete in grado di mantenere la consapevolezza sul conteggio e anche sulla respirazione

I benefici Anuloma-Viloma pranayama

Questa pratica ha un effetto rilassante sulla mente e sul corpo, oltre a migliorare la concentrazione e può essere utilizzata per raggiungere stati di meditazione.

 

Ti ricordiamo che non è consigliabile praticare il pranayama da solo (ad eccezione della Respirazione Yoga Completa – RYC ).

È necessario studiare e praticare il pranayama sotto la supervisione di un insegnante di yoga esperto, che deve praticare il pranayama che insegna da solo. Sentiti libero di chiedere informazioni al tuo istruttore, e prima controlla anche se hai controindicazioni a questo o quel pranayama.

In persone non allenate, la pratica del pranayama, specialmente dove si usano allungamenti della respirazione e trattenimento del respiro prolungato, può portare tachicardia, cioè un’eccessiva accelerazione del battito cardiaco causata da un attacco di panico.

Una persona che nota un battito cardiaco accelerato, si spaventa, inizia a respirare più affannosamente, e causa ancora più accelerazione del battito cardiaco e così via, che può provocare infarto miocardico.

È possibile anche il processo opposto, un rallentamento incontrollato del ritmo respiratorio per un motivo o per l’altro (ad esempio, con estrema stanchezza o shock) può portare a bradicardia (eccessivo rallentamento del battito cardiaco), che può portare a un rallentamento ancora maggiore della respirazione e, infine, insufficienza cardiaca, fame di ossigeno al cervello e morte.

Questo deve essere ricordato da tutti coloro che iniziano a praticare il pranayama.

Allo stesso tempo, una persona addestrata può, controllando la respirazione, sbarazzarsi non solo di attacchi di paura o rabbia, ma anche di disturbi cardiaci causati da altri motivi , oltre a ridurre la manifestazione di alcune malattie.

 

Buona pratica!

 

Prosegui con l’articolo 9            Ujjayi pranayama -respiro del vittorioso

https://yogacontemporaneo.it/respiroujjayi/

CONDIVIDERE CON GLI AMICI
Scuola Yoga Contemporaneo
Valuta articolo
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (10 rating, 2 votes)