NADI SHODANA PRANAYAMA parte 3

Nei primi due stadi del  Nadi Shodhana Pranayama, abbiamo descritto la respirazione alternata  e il controllo della respirazione attraverso due narici. In altre parole, il compito era di dirigere il flusso del respiro attraverso ciascuna delle narici separatamente. Per tali azioni ci sono una serie di motivi importanti. Innanzitutto, aumenta la capacità di controllare l’inspirazione e l’espirazione e la frequenza respiratoria diminuisce a piacimento. Di conseguenza, migliora la respirazione, portando ad una maggiore vitalità e una migliore salute, nonché una maggiore calma nelle situazioni della vita quotidiana. Ricorda che la frequenza respiratoria è direttamente correlata alle emozioni. Di norma, la respirazione irregolare e rapida è associata ad ansia, rabbia e altre emozioni negative distruttive, mentre la respirazione lenta e ritmica è associata al rilassamento, alla cordialità, benessere e altri sentimenti positivi. Praticare il primo e il secondo stadio del  nadi shodhana pranayama può aiutare a raggiungere un atteggiamento più armonioso nei confronti della vita e dello stile di vita.

Ci sono altri importanti benefici che si possono ottenere dalle prime due fasi di nadi shodhana. Come abbiamo già spiegato, il processo respiratorio è strettamente correlato al flusso del prana nel corpo pranico. La respirazione alternata aiuta a sbloccare i canali attraverso i quali scorre il prana. Inoltre, il prana che  scorre attraverso i nadi ida (lunare) e pingala (solare) è bilanciato. Questi due canali svolgono un ruolo importante nel determinare se una persona riflette o si impegna in attività dirette verso l’esterno; cioè, se è introverso o estroverso. Per avere una buona salute, è necessario mantenere durante il giorno un rapporto approssimativamente uguale tra queste due forme opposte di essere, e il primo e il secondo stadio di nadi shodhana pranayama aiutano a raggiungere questo obiettivo.

Un’altra conseguenza importante e utile del bilanciamento del flusso del respiro attraverso le due narici è il bilanciamento simultaneo del flusso dell’ida e del pingala. Questo porta alla tranquillità che raramente accade nel mondo moderno. Inoltre, questo stato di equilibrio contribuisce all’insorgenza  spontanea della meditazione.

Anche il primo e il secondo stadio di nadi shodhana sono importanti perché preparano i polmoni e il sistema nervoso per il prossimo stadio, ovvero trattenere il respiro. Senza sviluppare l’abilità di  una respirazione lenta e controllata, è impossibile trattenere il respiro come è richiesto nel pranayama. È facile trattenere il respiro una volta, ma per ritardi respiratori multipli che si alternano con l’inspirazione e l’espirazione, è necessario un allenamento. Questa è una delle funzioni della pratica del nadi shodhana pranayama, a cui finora vi abbiamo introdotto: abituare il corpo a pratiche più avanzate, incluso il trattenimento del respiro.

Nadi shodhana, stadio 3 – Antara Kumbhaka

L’apnea  ha molti nomi in sanscrito: si chiama Antara, Antaranga, Abhyantar o Purna Kumbhaka. Abbiamo scelto il nome Antara Kumbhaka, dove la parola Antara significa “interno” e Kumbhaka significa “trattenimento del respiro”. In altre parole, Antara Kumbhaka è una pratica in cui l’aria viene trattenuta nei polmoni. Antara Kumbhaka ha un’influenza significativa sul corso del prana in tutto il corpo pranico. Poiché esiste una stretta relazione tra il corpo pranico e la mente, Antara Kumbhaka ti permette di ottenere un certo controllo sulla mente. Sfortunatamente, la maggior parte delle menti della gente è costantemente in uno stato eccitato e instabile. Antara Kumbhaka rallenta la mente agitata e la traduce in uno stato di concentrazione  e calma, che è necessario per la meditazione.

Menzione in fonti scritte

Kumbhaka è spesso menzionato negli antichi testi dello yoga, perché è considerato una pratica molto importante. Soprattutto nei dettagli è discusso nel testo intitolato Hatha Yoga Pradipika. Ecco alcuni estratti: “Colui che può fare Kumbhaka per un po ‘di tempo rafforzerà il suo fuoco digestivo e ascolterà il suono cosmico interiore (nada) .Il corpo si purifica e libera dalle malattie.”

“Durante il Kumbhaka, la mente diventa immobile e la persona prova l’atemporalità. È in grado di concentrarsi profondamente sul punto  tra le sopracciglia. ” L’ultima affermazione sottolinea in particolare l’importanza di Kumbhaka come tecnica pre-meditativa. Quando si esegue il kumbhaka, una persona aumenta automaticamente la concentrazione.

Il testo sottolinea la necessità di cautela nella pratica di Kumbhaka: “L’addestratore doma un animale selvatico lentamente e gradualmente. Allo stesso modo, si dovrebbe gradualmente domare il prana nel corpo attraverso la pratica di Kumbhaka. Se qualcuno cerca di addestrare e soggiogare troppo velocemente una tigre selvaggia o un elefante, senza la necessaria cautela, può facilmente soffrire. Allo stesso modo, provare a controllare il prana nel corpo troppo rapidamente ed energicamente causerà anche danni “.

Ci uniamo anche a questo avvertimento.

Ci sono molti altri testi antichi che contengono informazioni utili su Kumbhaka. Tuttavia, dato che noi stessi discuteremo approfonditamente di questo problema nella nostra presentazione, non ha molto senso citarli qui, poiché ciò porterebbe solo a ripetizioni inutili. Tuttavia, vale la pena notare un punto: nel classico testo sul raja yoga – gli Yoga Sutra – Kumbhaka, in sostanza, è identificato con tutto il pranayama: “… il pranayama è la cessazione dell’inalazione e dell’espirazione”.

Questa è una definizione molto limitata di pranayama, che è in contrasto con le definizioni contenute in altri testi. Ad esempio, in Gheranda Samhita sono descritte varie pratiche di pranayama, incluso Kumbhaka. Tuttavia, la definizione limitata di Pranayama come Kumbhaka, che dà l’autore degli Yoga Sutra di Patanjali, mostra ancora la grande importanza di questa tecnica apparentemente semplice.

Preparazione preliminare 

Prendi una comoda posizione seduta. Se hai già praticato i primi due stadi di pranayama nadi shodhana per un tempo sufficiente e ritieni di averli padroneggiati completamente, puoi saltare il passaggio 1. D’altra parte, se non hai praticato regolarmente per un certo numero di mesi,  esegui prima il passaggio 1 in pochi minuti . A questo proposito, il professionista dovrebbe agire a sua discrezione e in accordo con le sue capacità.

Esegui il secondo stadio del nadi shodhana fino ad avere un ritmo di respirazione armonioso e rilassato, in cui l’espirazione dura il doppio della durata dell’inspirazione. Questo ritmo dovrebbe essere mantenuto per almeno alcuni minuti.

Tecnica di prestazione

Dopo aver completato la preparazione preliminare procedere alla terza fase. Inalare lentamente attraverso la narice sinistra, afferrando la destra. La durata dell’inspirazione dovrebbe essere la stessa della fine della fase 2.

Alla fine dell’inspirazione, tenere entrambe le narici e trattenere l’aria nei polmoni. Se lo si desidera, è possibile filtrare leggermente la glottide per impedire all’aria di fuoriuscire e tenerla saldamente nei polmoni.

Trattenete il respiro (Kumbhaka) per un breve periodo, senza affaticarsi e senza provocarvi il minimo disagio. Quindi inspira leggermente e poi espira lentamente attraverso la narice destra. Questo breve respiro alla fine di un’ apnea a polmoni pieni  (antara kumbhaka) aiuta a riattivare i muscoli respiratori e allentare lo stato chiuso della glottide.

L’espirazione non dovrebbe avvenire rapidamente, ma in modo controllato in modo che la sua durata sia il doppio della durata dell’inalazione (cioè uguale alla fine del passaggio 2). 
Dopo aver espirato, inspirare attraverso la narice destra, afferrando la sinistra. 
La durata dell’inalazione deve essere la stessa dell’inalazione precedente attraverso la narice sinistra. 
Quindi fai di nuovo antara kumbhaka per un breve periodo di tempo senza inconvenienti. 
Inspirare leggermente e poi espirare attraverso la narice sinistra. 
L’espirazione dovrebbe essere lunga il doppio dell’inalazione. 
La fine dell’espirazione attraverso la narice sinistra completa un ciclo dell’esercizio. 
Inspirare attraverso la narice sinistra per iniziare il secondo ciclo. 
Continuare ad agire in questo modo, a patto che il tempo lo permetta e fino a quando non si riscontra un inconveniente. 

Rapporto tempo

Il rapporto tra durata dell’inspirazione, kumbhaka ed espirazione gioca un ruolo importante e cambia man mano che la persona sviluppa gradualmente la capacità di trattenere il respiro per un periodo più lungo. Nelle fasi iniziali della pratica, mantenere la durata di inspirazione ed espirazione uguale a quella della fine dello stadio 2, mantenendo il rapporto 1: 2. Durante questo periodo, aumenta gradualmente la durata di Antara  Kumbhaka, iniziando con alcuni secondi e aggiungendo un secondo ogni giorno, a seconda delle circostanze. Non cercare di muoverti troppo velocemente e non trattenere il respiro per molto tempo all’inizio, perché alla lunga non farà nulla. Per esempio, se fai una lunga apnea nel primo ciclo, è più che probabile che nei cicli successivi inizierai a sentire un senso di soffocamento e non sarai in grado di mantenere lo stesso kumbhaka lungo.

Come guida approssimativa, in questa fase della pratica dovresti stabilire il tuo obiettivo di aumentare la durata dell’antara kumbhaka in modo che sia uguale alla durata dell’espirazione. In altre parole, se su un’espirazione conti , ad esempio, fino a dieci, cerca di raggiungere un livello in cui puoi contare fino a dieci con Kumbhaka. Ci vorranno da diverse settimane a diversi mesi. 
Quindi, alla fine di questa fase di allenamento, cerca di raggiungere il seguente rapporto delle fasi  durante un ciclo: 
inspiro- 1: Antar Kumbhaka – 2: espiro – 2: 
inspiro – 1: Antar Kumbhaka – 2: espiro – 2. 
Quindi è 1: 2 : 2: 1: 2: 2. 

Alcuni possono facilmente raggiungere questo rapporto, altri hanno bisogno di più tempo. In ogni caso, non correre, perché hai molto tempo a disposizione. Coloro che trovano facile ottenere questo rapporto dovrebbero iniziare ad aumentare la durata di inspirazione, kumbhaka ed espirazione, mantenendo costante il loro rapporto.Gli altri dovrebbero persistere nel praticare la pratica per tutto il tempo che hanno a disposizione per far si che si sviluppi. 

consapevolezza

Ancora una volta ti ricordiamo il bisogno di consapevolezza della respirazione e del conteggio mentale. Questo rende possibile rilassare la mente, liberandola dalla solita routine dei problemi e concentrandosi su uno. Allo stesso tempo, la consapevolezza del disegno di legge estremo? Il tè è importante per mantenere la relazione tra inalazione, kumbhaka ed espirazione, oltre a modificarlo se necessario.

precauzioni

Sebbene a prima vista Kumbhaka sembri una pratica semplice e diretta, può avere e ha conseguenze di vasta portata per il corpo e la mente. Dovresti fare attenzione a eventuali reazioni negative. Possono essere espressi in un’ampia varietà di forme, dall’eruzione cutanea abbondante all’insonnia. Nel primo caso, Kumbhaka pulisce troppo rapidamente il corpo dalle scorie interne; di conseguenza, i veleni vengono espulsi attraverso la pelle, causando un’eruzione cutanea. In questo caso, ridurre o addirittura interrompere la pratica del kumbhaka per un breve periodo di tempo per consentire al corpo di ripulirsi più lentamente. Nel secondo caso, Kumbhaka in qualche modo aumenta l’attività del tuo corpo e della mente . Riduci o interrompi le tue attività per un po ‘. Ci sono molte altre possibili reazioni negative. Osserva le tue condizioni

La  causa piu’ frequente di eventuali reazioni negative, di regola, è mettere troppa  carica nelle prime fasi dell’addestramento. Esercitarsi con moderazione per quanto riguarda il tempo che dedichi ogni giorno al pranayama e, soprattutto, al kumbhaka. Durante i primi mesi dovresti  impegnare non più di circa mezz’ora al giorno. Se sei capace di più, e il tuo corpo lo consente, probabilmente puoi aumentare la durata della pratica con maggiore beneficio per te stesso. Se non sei sicuro, ti raccomandiamo nuovamente di consultare qualcuno con sufficiente esperienza.

Sottolineiamo che la durata dell’antara kumbhaka dovrebbe essere aumentata lentamente e senza alcuna tensione, in modo che i meccanismi del corpo possano lentamente abituarsi a un nuovo livello di funzionamento. Se non hai praticato il primo e il secondo stadio del nadi shodhana, ti consigliamo vivamente di eseguirli per circa un mese prima di iniziare seriamente la pratica dell’antara Kumbhaka.

Sequenza di esecuzione   

Come nel caso di altri tipi di pranayama, è meglio eseguire l’antara kumbhaka dopo le asana e immediatamente prima della pratica meditativa.

Effetto benefico

Un numero significativo di malattie è causato da disturbi  nel corpo pranico e nella mente. Il Pranayama nadi shodhana, specialmente quando include l’antara kumbhaka, è un metodo potente e diretto per raggiungere l’armonia in queste aree. Pertanto, se ti avvicini alla pratica di Antara Kumbhaka con saggezza ed eviti reazioni negative, può avere una meravigliosa influenza in termini di prevenzione e cura di una vasta gamma di malattie. È particolarmente efficace contro le più tipiche malattie psicosomatiche, l’asma, il diabete, ecc., a seconda del grado di equilibrio  e di pace della mente che si ottiene.

La pratica dell’antara kumbhaka è estremamente benefica per la mente. È molto utile per raggiungere la chiarezza di pensiero e concentrazione. Pertanto, raccomandiamo particolarmente Kumbhaka a coloro che svolgono un sacco di lavoro mentale e hanno bisogno di vigore fisico e mentale. Il pranayama, in particolare il Kumbhaka, aiuta a purificare il corpo dalle tossine. Questo è chiaramente indicato nella rinomata  citazione da Hatha Yoga Pradipika. Il nostro corpo viene continuamente riempito dalle tossine . A causa delle cattive abitudini alimentari, degli stress emotivi, del lavoro 

inadeguato degli organi interni, ecc., Se questo processo di purificazione non viene ottenuto in modo sufficientemente efficace,  risultato è l’accumulo di scorie e lo sviluppo di alcune malattie. Pranayama e, soprattutto, Kumbhaka aiutano il processo di purificazione e quindi contribuiscono a raggiungere una salute eccellente. La pulizia avviene così velocemente che sul corpo qualche volta ci sono piaghe, ecc., attraverso le quali c’è un ulteriore rilascio di veleni. Parzialmente in relazione a ciò sono le cosiddette reazioni avverse di questo tipo.

CONDIVIDERE CON GLI AMICI
Scuola Yoga Contemporaneo
Valuta articolo
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (10 rating, 2 votes)